• Eliana Salvi

Come cambia l'HR Management con i social media


Come cambia l'HR Management con l'avvento dei social media?


Mi è stato chiesto recentemente dal mio amico Giuliano Calza di esprimere il mio parere nella conferenza dell'AIDP Gruppo Regione Marche, la mia terra natale. 

Con piacere ho espresso le mie visioni, sia dal punto di vista di imprenditrice e dunque di persona che ha dovuto gestire l'HR della sua piccola azienda, sia come dipendente e persona in cerca di lavoro. 


Ci sono 3 aree in particolare che ho analizzato:

-   Social Reputation Aziendale

-   Recruiting

- Nuovi sistemi di connessione intra-aziendale (Facebook Workplace / Yammer) 


SOCIAL REPUTATION AZIENDALE


L'HR Department è spesso sottovalutato, ma ricopre forse il ruolo più importante nel comunicare esternamente i valori e la vision aziendale. La reputazione aziendale oggi passa inevitabilmente dai social media, che diventano sempre più la prima forma di contatto tra azienda, cliente finale, fornitore e anche potenziale impiegato. 

Quello che l'azienda comunica attraverso i social media infatti è alla mercé di tutti, e potenzialmente crea un veicolo passivo di recruiting che porta a risparmio di tempo, risorse e massimizzazione dell'efficacia in questo processo spesso reso troppo complesso e macchinoso. 

Riporto 3 esempi di Social Reputation gestita in modo eccellente da aziende che nel tempo si sono ritagliate uno spazio importante tramite i social e hanno cambiato la loro percezione e il loro "brand" all'esterno. 

- British American Tobacco: Azienda in cui ho lavorato, dal prodotto eticamente non accettato da tutti e sicuramente non appealing esternamente rispetto ad altri tipi di prodotti di largo consumo. La comunicazione HR via LinkedIn è costante, mostra come l'azienda faccia crescere i suoi dipendenti e dia loro la possibilità di viaggiare, lavorare in contesti internazionali e stimolanti, e davvero fa venire voglia di tornare a lavorarci! 



- Maersk: Chi avrebbe mai detto che una multinazionale di trasporti su terra e mare potesse avere tanto successo su Instagram? Eppure sono fortissimi. Le foto che scelgono rappresentano esattamente quello che fanno e lo hanno reso accattivante, emozionante e figo! 



- Adecco Group: total rebranding tra il 2016 e il 2017 per il gruppo di HR recruiting. Da poco hanno lanciato il progetto "CEO for a Month" e lo hanno veicolato soprattutto tramite i social network, proprio perchè rivolto ai giovani millennials. Molto efficace e di grande impatto.



RECRUITING


Tutti i social oggi, non soltanto LinkedIn, possono contribuire a fare recruiting attivo ma soprattutto passivo, nel senso che comunicando bene cosa l'azienda fa, attira a sé l'interesse reale di chi vuole lavorare per quell'azienda ed è intelligente da parte della società considerare più chi si candida spontaneamente che non chi lo fa solo quando c'è una open position comunicata. 

Oggi il 70% delle assunzioni avviene online. I CV tradizionali, specie quelli dal tristissimo formato europeo, stanno sparendo sempre di più per dare spazio a creativi video, formati accattivanti, siti website personali e chi più ne ha più ne metta. La fantasia e la creatività di un individuo passano anche da come si presenta. 

Inoltre, ci sono sempre più piattaforme di recruiting alternativo a Linkeding, per citarne alcune: JustKnock, JobYourLife, Xing, Jobcase


LATO AZIENDA:

Il perchè dell’uso dei social media per trovare nuove risorse:

  1. Individuare il bacino dei candidati (qualità)

  2. Allargare il bacino dei candidati (quantità)

  3. Controllare la veridicità dei CV 

  4. Verificare la presenza online del candidato

  5. Controllare le referenze

  6. Strumenti di employer branding 

LATO CANDIDATO:

Il perchè dell’uso dei social media per trovare lavoro:

  1. Cercare offerte dirette sulle pagine aziendali

  2. Dare visibilità al proprio CV (Video, Innovazione, Sito Personale)

  3. Costruire rete di relazioni professionali 

  4. Verificare info e opinioni sull’azienda (GlassDoor, AYO)

  5. Scambiare opinioni in ambito professionale

NUOVE PIATTAFORME DI CORPORATE COMMUNICATION

Facebook Workplace e Yammer sono esempi di come i social media stiano sempre più entrando nella vita aziendale. Entrambe le piattaforme sono state create per permettere chat aziendali, comunicazioni e scambio di file intra-aziendali con clienti e fornitori, senza compromettere la privacy degli utenti. 

Sono piattaforme anche usate per storage di file, scambio di foto e documenti importanti, nella massima sicurezza. 

Non sono piattaforme gratuite, il costo può variare dai 3 $ agli 1 $ a utente man mano che il numero di iscritti aumenta. Per questo sono indicate per aziende molto numerose. Tra gli attuali clienti ci sono Booking.com, Deutsche Bank, British Airways, ABB. 

Vantaggi di utilizzo: 

  1. Potenzialità

  2. User Experience

  3. Big Data

  4. Condivisione

Svantaggi di utilizzo: 

  1. Realtà piccole? Forse no

  2. Troppe Info

  3. Adattabilità

  4. Non per tutti

  5. Costo

Spero di avervi dato degli spunti di riflessione interessanti per il vostro lavoro, potete contattarmi a info@elianasalvi.com per maggiori approfondimenti. Grazie! 

5 visualizzazioni
  • LinkedIn - Grey Circle
  • Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • YouTube - Grey Circle